Decreto sostegni 2021: a chi spetta, partite iva e imprese settore matrimonio

 Pubblicato: Apr 8, 2021

 Aggiungi ai preferiti
L'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di covid-19, le limitazioni sulla libertà personali, sulla libertà di impresa previste dall'ultimo Decreto del 30 marzo 2021 che proroga un lockdown di fatto fino alla fine di aprile contestualmente a una ripresa di un piano vaccinale " a tappeto", hanno messo in ginocchio moltissime piccole imprese del comparto wedding e non solo. Si stima in generale in tutta Italia una perdita di un milione di posti di lavoro, un crollo occupazionale temperato almeno parzialmente dalla proroga sul blocco dei licenziamenti.

Famiglie e imprese hanno urgente bisogno di liquidità per poter vivere e il Governo Draghi ha cercato di rispondere a questa esigenza inderogabile prevedendo un nuovo Decreto legge del 22 marzo 2021 n 41 (Decreto sostegni) "Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all'emergenza da COVID-19" definito dallo stesso Draghi "un decreto in risposta alla povertà, il massimo che si è potuto fare".


Il Decreto prevede 32 miliardi di scostamento (di cui 11 per imprese e professionisti, 5 per il piano vaccini, 8 per il lavoro e per la lotta alla povertà).

In questo breve articolo cercheremo quindi di descrivere i punti principali del Decreto ponendo la massima attenzione sul comparto che ci sta ovviamente più a cuore che è quello relativo all'organizzazione di eventi wedding e alla filiera ad esso correlata.

Il decreto è strutturato in 5 aree di intervento principali:

1- Contributo a fondo perduto per tutte le partite iva per un totale di 11 miliardi;

2- Sostegno al lavoro e contrasto alla povertà, cui sono destinati 8 miliardi;

3- Salute e sicurezza, per l'acquisto di vaccini e farmaci (2,8 miliardi) e per la gestione della vaccinazione (2,2 miliardi), per un totale di 5 miliardi;

4- Enti decentrati: fondi per sostenere comuni e province allo scopo anche di migliorare il trasporto pubblico in ottica di prevenzione del contagio;

5- Scuola: fondi per aiutare gli istituti scolastici a garantire la presenza degli alunni in piena sicurezza e per consentire attività di potenziamento delle competenze dei ragazzi per un totale di 300 milioni.

E' prevista una piattaforma telematica per velocizzare i pagamenti che dovrebbero iniziare dall'8 aprile. Una buona novità rispetto al Governo precedente è: l'abbandono dei codici Ateco che avevano lasciato fuori dalla platea di coloro che potevano usufruire dei contributi moltissime partite iva tra le quali fornitori che lavorano nel settore degli eventi.

I beneficiari dei contributi

Imprese, professionisti e titolari di partita iva con fatturato annuo sotto i 10 milioni di euro avranno diritto a un contributo a fondo perduto per ristorare almeno parzialmente le perdite subite nel 2020.

In particolare nel Decreto si fa riferimento ad aziende destinatarie di misure aggiuntive nei seguenti settori:

Settore turismo: sono previsti contributi che prevedono un sostegno per il pagamento delle bollette elettriche e un intervento in favore dei lavoratori stagionali; In particolare sono stanziati 700 milioni da destinare alla filiera della montagna.

Settore eventi e ristorazione: sono stanziati inoltre 200 milioni da destinare alle imprese di ristorazione e ai fornitori operanti nel settore dei matrimoni e degli eventi privati.

Indennità per i lavoratori e reddito di emergenza


- 2400 euro per i lavoratori del turismo stagionali, dello spettacolo e per lavoratori atipici;

- indennità tra i 1200 e i 1600 euro per i lavoratori dello sport;

- E' stato esteso e incrementato l'importo del reddito di emergenza per i meno abbienti;

- Per i lavoratori a tempo determinato è stata prevista la possibilità di prorogare il contratto in scadenza per ulteriori 12 mesi.

Condono fiscale

Saranno cancellate le cartelle esattoriali fino a 5 mila Euro relative al periodo 2000-2010 per quanti hanno un reddito inferiore alle 30 mila Euro annue.

Regole e limiti per ottenere i contributi

- Perdita nel 2020 del fatturato pari almeno al 30% rispetto al 2019;

- Gli importi sono calcolati per fasce: l’ammontare dell’indennizzo è del 60% per le imprese sotto i 100 mila Euro, del 50% per quelle tra 100 e 400 mila Euro, del 40% tra 400 mila e 1 milione di Euro, del 30% tra 1 e 5 milioni, del 20% tra 5 e 10 milioni;

- limite di fatturato: sostegni per le imprese fino ad un fatturato annuo di 10 milioni di Euro;

- il contributo non potrà mai superare i 150 mila euro e i sostegni sono indirizzati alle imprese che fatturano fino a 10 milioni annui;

- l'indennizzo non può essere inferiore a 1000 euro per le persone fisiche 2000 euro per le persone giuridiche.

Blocco dei licenziamenti

Con il perdurare dell'epidemia e delle restrizioni, Il Decreto ha inoltre previsto la proroga del blocco dei licenziamenti al fine di evitare un disastroso impatto sociale ed economico.

Fino a giugno per le imprese che beneficiano della cassa integrazione ordinaria e fino ad ottobre per quelle in cassa integrazione in deroga.

Cassa integrazione

Anche la cassa integrazione è stata prorogata:

Per la cassa integrazione ordinaria: previste altre 13 settimane tra il 1 aprile ed il 30 giugno.

Per la cassa integrazione in deroga: ulteriori 28 settimane tra il 1 aprile ed il 31 dicembre.

Reddito di emergenza

Il Decreto ha previsto altre 3 mensilità (da marzo a maggio) per il reddito di emergenza.

Reddito di cittadinanza

E' stato rifinanziato il reddito di cittadinanza per 1 miliardo di euro.

Le tendenze make up per i matrimoni 2021, puntano principalmente al Nude look e a un trucco occhi...

Al di là dell'aspetto economico, di salute e di restrizione delle libertà personali previste dai...

Nonostante il periodo complicato che sta attraversando il settore wedding dovuto all'emergenza...


"L’eleganza dev’essere la giusta distinzione tra naturalezza, cura e semplicità…” (Christian...

Avete scelto la location, trovato l'abito da sposa che fa per voi, avete confermato gran parte...

Stai valutando di spostare il matrimonio? L'emergenza sanitaria in atto e i limiti che ne...